Maria è l'umile ancella che compie il divino volere. Illuminata da Dio, si abbandona tutta nelle sue mani.(Beato Alberione)

Buona Pasqua 2018

Immagine1

Santa  Pasqua  2018

Carissimi

prendo spunto dalla  I Domenica di Quaresima, 18 febbraio, per raggiungervi e  portarvi i miei più cari  auguri di una Santa Pasqua e perché vorrei aiutarvi a vivere nella gioia una fruttuosa Quaresima  che non é un tempo triste!

Il racconto delle tentazioni  di Gesù nel deserto, nel Vangelo di Marco, occupa il breve spazio  di soli due versetti  (Mc 1,12-13). Marco non ne riporta il contenuto, non dice quante siano state, cosa molto importante, e non racconta neppure  come Gesù le abbia  superate: Marco sembra consideri importante  solamente l’idea  che Gesù sia stato messo  alla prova.

Gesù ha appena vissuto l’esperienza forte del battesimo, dove la voce del Padre l’ha chiamato  “figlio amato”(Mc1,9-11). Il Vangelo di oggi ci dice che lo stesso Spirito che nel battesimo si é posato su di Lui, ora lo spinge  nel deserto, dove  impara almeno due cose  importanti  della vita: che  non c’é solo la voce del Padre, ma accanto alla voce del Padre , come accadde  all’inizio  con Adamo ed Eva, c’é  un’altra voce, che parla di altro , che indica  un’altra via possibile .

Leggi tutto…  Lettera_di_Pasqua_ai_parenti_ed_amici_italiani

Annunci
20170526-ita-giubileo2017-posterSmall

Maria Negretto Annunziatina Missionaria ha festeggiato il suo 50° di Consacrazione in Camerun

Giubileo della Famiglia Paolina
Giubileo di Maria VIDEO GIUBILEO

50° Maria Negretto

Anno 2017 Maria festeggia il suo 50° di Consacrazione
nell’Istituto Maria Santissima Annunziata. Vi aspetto a Bafoussan il 22 maggio per la Messa, preghiere e taglio della torta… Giubileo organizzato dalla Diocesi e coordinazione diocesana.

Sito  | Altro | GIUBILEO |

1a.Soeur Maria Negretto

2a.Soeur Maria Negretto

 

pasqua017Carissimi  amici e famigliari, eccomi a voi per portarvi gli auguri più cari  di una Santa Pasqua.
Buona Pasqua . Tempo di gioia  e vita nuova: credi al Signore anche tu!
Mentre scrivo,  la mia mente  ed i miei ricordi sono con  voi  che mi amate da tanti anni, che mi avete seguito e avete vissuto l’azione della Grazia  nelle varie attività e progetti creati da Dio ai quali io e voi abbiamo prestato il cuore sensibile  alle povertà e alle necessità  dei fratelli: noi generosi per apportare gioia..
Lo Spirito Santo dice : “Oggi,  se udite la sua  voce, non indurite i vostri cuori.     ( Eb 3,7-8 )
L’oggi  é la nostra vita, é un oggi …” pieno di giorni”, ma é un oggi.
Di fronte a questo “oggi” il cristiano risponde con la speranza. Non c’è posto per l’ottimismo qui, c’è posto per la speranza: oggi serve speranza per ricostruire e questo si fa con le mani …

Continua a leggere…  Maria_Negretto_Pasqua 2017

Pasqua di Resurrezione 2016

pasqua-016Lettera di Maria per la Pasqua.

Carissimi Amici e Parenti
eccomi a Voi con i miei più sentiti auguri.
Introduciamoci nella lunga marcia di penitenza e di purificazione in questo Anno Giubilare della Misericordia: stiamo uniti durante tutto il periodo di attesa, forti contro la tentazione.
Nella lettera di Paolo ai Corinti si esorta il credente ad accogliere la presenza di Dio e del suo amore nella nostra vita capendo così chi siamo e il senso profondo del nostro essere, malgrado le fatiche e le delusioni della vita. La nostra rinascita e fede si rafforzano
nel richiamo di riconciliazione con Dio.
Nella prima domenica di Quaresima viene proposta ai credenti una catechesi penitenziale. I temi della fede, dell’alleanza, della conversione, del perdono e della misericordia saranno il centro e il cuore delle cinque domeniche quaresimali. In particolare la prima domenica ci presenta una profonda riflessione sul tema delle tentazioni, connaturate all’uomo.

Maria Negretto

Pasqua 2016 – continua a leggere

Natale 2015

Carissimi amici e parenti

Dopo una lunga parentesi  passata in Italia, eccomi di nuovo tra i miei figli e amici camerunensi, ringraziando Marilena, la mia cara amica , che con il suo buon cuore mi accompagnerà per qualche mese.

Immagine1   Sono tornata, nonostante le mie condizioni di salute, perché stiamo terminando la costruzione del REPARTO di OSTETRICIA  E MATERNITA’. Tale nuova costruzione, adiacente al CENTRO SANITARIO di Baleng con il suo Laboratorio di Analisi Mediche, era già in progetto l’anno passato e  nella mia lettera dello scorso Natale ve l’avevo già preannunciato. Ora è in fase di realizzazione e ultimazione dei lavori e come responsabile di tutto questo non potevo essere assente, anche in relazione al fatto che tale opera prevede un forte impegno organizzativo, che non posso delegare ad altri, e un investimento importante  di circa 100.000,00 euro.

Le mie responsabilità non mi hanno permesso di stare distante anche se i medici e i miei familiari,  attenti alla mia salute, avrebbero voluto ritardare la mia partenza. Questa è la fase operativa più delicata in quanto l’inizio dei lavori è avvenuto attingendo ai nostri risparmi, ma il completamento dell’opera  sempre più necessiterà di controllo e reperimento di ulteriori risorse.

Arrivata nuovamente tra la mia gente, come sempre, e ancor più oggi, mi sono chiesta se la mia azione trova la spinta dal “mal d’Africa” o dal mio profondo amore per i poveri e i più bisognosi: io so solo che rispondo con tutto il cuore e le mie forze alla mia vocazione sperando di agire nel migliore dei modi secondo il volere di Dio per il mio cammino verso il Regno.

Con questa mia lettera, che vi invio in occasione del santo Natale da alcuni anni, avrei voluto quest’ anno intrattenervi esclusivamente sul pensiero evangelico del Natale: parlarvi del Cristo che si fa Via,  Verità e  Vita per tutti noi.

Via: che è strada più vera, più facile e più sicura nel nostro cammino verso Dio Creatore che ci attende

Verità: che ci illumina con la Sua Parola

Vita: che non ci abbandona mai e intercede con la Grazia del Padre che ciImmagine2 aspetta nel suo Regno.

Come però vi ho già detto sono totalmente impegnata nel progetto che devo portare avanti, seppur faticoso e oneroso. Ho bisogno quindi ancora di voi tutti con le vostre preghiere e il vostro aiuto materiale.

Io, dopo aver dato ciò che avevo, mi sono messa nello spirito della nostra cara Madre Teresa di Calcutta: “Quando non potrai camminare usa il bastone, ma non trattenerti mai”.

Il Cristo cosa si aspetta da noi? Vorrei rispondere a questa domanda, prima a me stessa che a tutti voi, ricordando il Vangelo di Marco 12, ripreso poi da Luca 21, che qui riporto integralmente:

“Sedutosi di fronte al tesoro,osservava come la folla gettasse monete nel tesoro. E tanti ricchi ne gettavano molte. Ma venuta una povera vedova vi gettò due spiccioli, cioè un quattrino. Allora chiamati a sé i discepoli disse loro:” In Verità vi dico : questa vedova ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri.  Poiché tutti hanno dato del loro superfluo essa invece, nella sua povertà, vi ha messo tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere”.

Mostrare di essere generosi è da sempre un piacere per uomini e donne, ma Gesù, come sempre, non si lascia ingannare dall’esteriorità, dalla quantità, ma guarda nell’intimo del cuore, al centro della persona: per Lui questo è il vero tempio in cui il Signore viene riconosciuto o ridotto a cosa di poca importanza, a oggetto di esternazione e mercato.

Immagine3Nella mia vita ho sempre cercato di operare secondo il messaggio di Gesù attraverso l’amore profondo che da anni nutro per questo paese, cercando di alleviare le grandi sofferenze dei più poveri con opere concrete, come sto cercando di fare ora con il nuovo progetto. Tutto ciò mi è stato possibile grazie al grande aiuto che ho avuto sempre dai miei amici e sostenitori i quali hanno sempre risposto con generosità a sostegno dei miei progetti. Ogni offerta, anche quella più piccola, ha un valore enorme e testimonia della grande capacità di donare che sempre avete avuto.

Buon Natale e un sorriso di speranza a tutti nel nome di nostro Signore Gesù Cristo

Da parte mia e dei miei di quaggiù un abbraccio

Maria

Maria ( marianegretto20002002@yahoo.fr)

ASSOCIAZIONE MARIA NEGRETTO  Onlus  VIA Resia 34   47921 Rimini

Coordinate Bancarie Internazionali: IBAN IT 89 C 06285 24201 000107504466     

Conto Corrente Postale n° 83479295

Come ogni anno, mi unisco a Maria per farvi giungere anche i miei auguri per le prossime festività-

Rinalda la postina

Rinalda Antonioli: rinalda.antonioli@gmail.com

Buona Pasqua

PASQUA 2015
Carissimi amici e familiari,
Immagine1Eccomi a voi per portarvi i miei auguri di Buona Pasqua!
Si, la Pasqua è superiore in solennità ed in efficacia a tutte le altre feste dell’anno liturgico perché il suo oggetto non si
limita ad un momento o ad un aspetto dell’azione salvifica di Dio, ma il disegno divino di salvare tutta l’umanità parte
dalla creazione del mondo, fino all’incarnazione, passione e glorificazione di Cristo.
Pasqua che è azione salvifica di Dio esige una purificazione e una santificazione attraverso la Quaresima che è segno di
questo mistero pasquale partecipando alla sua gloria (Rm 8,17).
La Quaresima è il tempo favorevole per diventare “bambini” perché il regno di Dio è di chi assomiglia a loro: che Dio vi
aiuti in questo.
La Quaresima però necessita di ascolto più profondo della parola di Dio, di preghiera più intensa e prolungata, di
digiuno e di opere di carità. La Quaresima si santifica attraverso la preghiera e l’amore: Dio è nei più deboli e indifesi.
I benedetti del Padre sono coloro che si sono presi cura degli ultimi e se Lo vogliamo glorificare dobbiamo dedicarci a
questi perché è lì che Lui abita. Carissimi amici e familiari sono anni ormai che trattiamo questi temi e siamo andati incontro a chi è più solo e abbandonato. Da qualche anno, con entusiasmo, continuiamo ad occuparci in Cameroun dei detenuti minori. Il nostro slogan è “mai più bambini in prigione”. Il compito è immenso. Attualmente in Bafoussan e dintorni possiamo accogliere sei detenuti. La situazione di vita nelle prigioni è quasi tragica: bambini e ragazzi ammucchiati in poco spazio, alimentazione precaria, mancanza di igiene ecc. Cerchiamo di indirizzare verso Mbouda, Founbot e Dschang la nostra attività, poi man mano cercheremo di estenderla ad altri luoghi nel circondario senza escludere le prigioni centrali di Bafoussan. Cerchiamo i contatti con i responsabili diretti per capire in che modo possiamo ridare la speranza di ottenere la libertà dei più deboli. Ora noi, io e voi, siamo uniti nell’Associazione Comunità Giovanni XXIII che ha la missione di seguire in Gesù il povero, il servo, il sofferente. La vocazione della comunità è quella di dedicare la propria vita a Cristo e con Lui, seppur nelle differenti culture, operare assieme alle autorità locali. Tutti insieme, io e voi, carissimi amici, siamo operanti da molti anni in Cameroun: non posso nominarvi uno ad uno perché siamo tanti! Per raggiungere i nostri obiettivi cerchiamo di incontrare i direttori delle carceri, i responsabili ministeriali, i giudici di prima istanza, i procuratori della repubblica, i guardiani dei detenuti, gli assistenti religiosi di varie religioni. Le autorità possono condividere i nostri principi di accorciare il più possibile la detenzione dei più bisognosi e soli. Dirigiamo quindi la nostra attività verso i minori e i ragazzi dai 14 ai 20 anni che spesso sono dimenticati e abbandonati anche dai loro genitori. Molta attenzione dedichiamo inoltre alla piccola scuola di Soukpen dove purtroppo da settembre 2014 non abbiamo avuto l’insegnante per continuare la formazione dei nostri bambini. Abbiamo però ottenuto ufficialmente dal Ministero dell’Educazione il permesso di costruire altre due classi supplementari. Però qualche giorno fa, con un maestro in pensione, abbiamo coperto i tre mesi di insegnamento che restano per completare l’anno scolastico. Ho presentato questo nuovo maestro all’Ufficio Insegnamento Cattolico Diocesano che mi ha dato il benestare pur essendo la maggioranza dei ragazzi di religione islamica. La scuola resterà sotto la mia personale tutela e un giorno potrò passarla alla responsabilità della “Giovanni XXIII”. Con soddisfazione ho potuto informare tutta l’organizzazione che la spesa degli stipendi dei maestri sarà sostenuta direttamente dall’ Ass. M.N. Italia. Sarà la stessa segretaria Oriella a tenere i conti della piccola scuola anche se ancora mancano 15 banchi per i piccoli della scuola materna per i quali provvederò al più presto con la spesa di circa 181.000 F.CFA cioè 275,00 €.
Attualmente i bambini dalla I alla III elementare sono 26 e saranno affidati al nuovo maestro, mentre la scuola materna ha mediamente 10-12 bambini per i quali assumeremo una ragazza del paese. La quota annuale dei genitori servirà esclusivamente per la cancelleria, il registro, i gessi, ecc. Un’altra attività svolta è quella agricola portata avanti dai ragazzi in affidamento dalle carceri che attualmente sono tre. Prossimamente da Founbot ci affideranno altri due ragazzi implementando così il lavoro nei campi dove si sta già seminando. Stiamo inoltre portando avanti la produzione del miele che dà buoni risultati perché la zona è ricca di fiori: avremo così anche un po’ di prodotto da commercializzare. Vi è poi l’altra attività dell’allevamento dei maiali, anche se è difficile trovare una buona razza, ma speriamo di avere un aiuto dal Ministero dell’Agricoltura che ha un buon allevamento nella regione verso Noun. A Soukpen tutto il personale è in attività, occupa tutte le case, dispone di buona acqua, di luce con i pannelli solari e sta funzionando l’impianto con la pompa a immersione per riempire il grande recipiente posto sulla collina. I raccolti e l’allevamento degli animali rendono autonoma l’alimentazione dei ragazzi della casa e in più ne beneficia anche la cucina dei formatori italiani. Funziona anche una piccola falegnameria per tutti i bisogni della casa. Ora alcune notizie su di me: io vivo con i volontari e i responsabili nella mia casetta di Bafoussan che, grazie a Dio, possiede la connessione a internet aperta tutti i giorni. Prossimamente la comunità avrà la propria casa-famiglia a Bafoussan e finirà così il grande affollamento nella mia casetta. Viviamo tutti assieme in serenità: anche se attorniata da una cultura diversa, la mia vita però è molto attiva perché vivo in mezzo ai giovani. Di salute sto bene e lavoro in unione continua del buon Dio che spesso mi aiuta a superare le piccole e grandi difficoltà. Non ho certo raggiunto la meta, non sono arrivata!!!
Dimentico ciò che mi sta alle spalle e corro verso ciò che mi sta di fronte. Corro verso il premio che Dio ci chiama a ricevere lassù in Cristo Gesù. Mi viene spontaneo il collegamento con San Paolo, lavoro e mi sforzo di correre per conquistare quella meta tanto agognata. Partecipo inoltre alla vita della consorella Genevieve che sta cercando una occupazione e desidererebbe entrare nell’Istituto Cattolico Università di Yaoundè. In Cameroun ogni azione richiede pazienza e tempo anche quando la corruzione non complica ulteriormente le cose: è un paese giovane con una grande percentuale di giovani per la maggior parte disoccupati. In ogni caso siamo sereni e contenti in piena attività. L’attività religiosa è in grande fermento per la Quaresima e per il 25 marzo, Solennità dell’Annunciazione del Signore.
Titolare dell’Istituto Maria Santissima Annunziata.

A tutti buona festa e che la Pasqua di Resurrezione sia nei vostri cuori.

Maria e i fratelli del Beato Benzi Anche da “Anna, la postina” Tanti auguri di Buona Pasqua “amastelli.pd@gmail.com
Anche da “Rinalda la postina “Tanti auguri di Buona Pasqua “rinalda.antonioli@alice.it
A chi desidera aiutare l’”Ass.ne Maria Negretto onlus” indico alcuni riferimenti:
IBAN IT89C 06285 24201 00010 7504466 conto corrente postale 83479295
oppure apporre la firma, per destinare il 5 x mille, nel riquadro “sostegno delle Organizzazioni non lucrative di utilità
sociale” nella denuncia dei redditi C.F. 91100810406

Maria Negretto  – pag.web Annunziatine

Tag Cloud